OSTEOPOROSI

L’osteoporosi definisce la situazione in cui lo scheletro è soggetto ad un maggiore rischio di fratture, a seguito della riduzione del grado di resistenza ossea (diminuzione di massa e microarchitettura). Le rotture possono interessare qualunque osso; le più severe (quelle al femore ed alle anche) determinano disabilità permanenti. Il fenomeno di progressiva riduzione della massa ossea è naturale. Vi sono tuttavia alcune condizioni che possono accelerare tale processo. Disturbi ormonali, assenza di calcio o di vitamina D, l’assunzione prolungata di medicinali glucocoticoidi, possono infatti concorrere all’indebolimento dell’apparato scheletrico, compromettendo il normale percorso di rinnovo del tessuto osseo. Le donne in menopausa, non a caso, sono considerati soggetti a rischio. Nota come “malattia silente”, l’osteoporosi, oltre ad accrescere la propensione alla frattura (per via dell’aumento della fragilità ossea), comporta la diminuzione della statura e l’incurvamento della postura.

Come agisce la Magnetoterapia

I campi magnetici pulsati migliorano l’osteogenesi, agendo a livello della membrana degli osteoblasti e sull’effetto piezoelettrico dell’osso. Per mezzo della magnetoterapia, si assiste a: una vivace produzione del collagene (con maggior ordinamento e orientamento strutturale), un incremento dell’irrorazione vascolare e una riattivazione delle cellule in quiescenza. Ha luogo inoltre una crescita della resistenza ossea e un aumento dell’attività elettrico nel focolaio di frattura. È stato infatti dimostrato che il segnale elettromagnetico stimola la riattivazione delle cellule mesenchimali del periostio, processo associato ad una inibizione locale del paratormone.

Per provare direttamente a casa i benefici della magnetoterapia, compila questo modulo. Sarai contattato entro 48h per concordare le modalità con cui usufruire della prova gratuita

Prova Gratis